Busa delle Rane e Valle delle Tre Fonti
Km e Tempo di percorrenza: 7 km | 2.5 h
Dislivello in mt (somma di tutte le salite): 168mt
Difficoltà: Facile
Punto di partenza: Parcheggi alla fine di Via Genio Zappatori a Bavaria di Nervesa
Descrizione breve: Passeggiata sul Montello di 7km in cui visiteremo 3 degli angoli più caratteristici del Montello: la Busa delle Rane e la Valle delle Tre Fonti con la Grotta di San Girolamo.
Passeggino/Carrozzina: No
Mappa Busa delle Rane e Valle Tre Fonti

Il percorso

Oggi si va sul Montello in quella che forse è stata una delle prime camminate su questa collina trevigiana. E con noi c'è la cugina Anisa. Dal parcheggio andiamo a sinistra verso la chiesa parrocchiale di Bavaria (Via F. Baracca) e una volta superata saliamo sulla destra per Via U. Sacco. Questa parte iniziale è un po' assolata e urbanizzata ma ben presto il bosco ci inghiottirà.

L'autunno non si mostra ancora in tutta la sua bellezza ma possiamo percepire il suo arrivo poichè non udiamo più cicale, grilli e uccellini che cinguettano felici. Questi ultimi probabilmente stanno preparando la valigia per i lidi più caldi e la loro mamma gli dirà: hai messo questo? hai messo quello? ricordati di chiudere il nido a chiave...ahahahahah

Il primo tratto di salita non si fa sentire anche se Marco Albino come al solito si prende un po' indietro e per riprendere il gruppo di testa facciamo le corse a scatti simulando la supergattovelocità dei Superpigiamini (un cartone animato che guarda spesso). Arriviamo nei pressi del capitello della Madonna del Bosco e giriamo a destra per restare sempre in Via U. Sacco; 200 metri e prendiamo  il sentiero sulla sinistra seguendo le indicazioni per Busa delle Rane e Croce di Francesco Baracca.

Finalmente possiamo dire di essere immersi nel Montello e Samuele inizia un po' a scalciare perchè vorrebbe camminare pure lui; mamma e Anisa hanno il loro bel da fare per deviare la sua attenzione verso le foglie degli alberi. In breve siamo presso la Busa delle Rane. Dobbiamo prestare un po' di attenzione poichè è in basso a sinistra e rischiamo di passarvi oltre senza vederla. Recentemente non ha piovuto molto e questo piccolo specchio d'acqua è un po' in secca.

Ci rimettiamo in marcia andando diritti e all'orizzonte Sebastian risconosce in mezzo al bosco il rosso della bandiera italiana e giunti in quel punto, scendiamo un attimo per la valletta a destra per arrivare alla croce di Francesco Baracca (il celebre aviatore italiano), posta nel luogo in cui cadde il suo aereo durante il primo conflitto mondiale.

Torniamo subito su verso la bandiera e proseguiamo la nostra passeggiata seguendo la via a sinistra...ma ci accolgono due sorprese. Impronte di cavalli da seguire come fossimo nel bel mezzo di una caccia al tesoro e un grande fossato (ops pozzanghera da superare). Oggi ho dimenticato gli scarponi Garmont, miei compagni di camminata...e devo cercare di non sporcare troppo le scarpe :-P

Sebastian cerca di pescare nella pozzanghera e con la coda dell'occhio vedo Marco mentre sta prendendo un sasso bello grande da buttarci dentro per fare un megasplash. Per fortuna Anisa lo convince a optare per sassi più piccoli altrimenti ci avrebbe lavato dalla testa ai piedi.

Sebastian è affascinato dalle felci che si trovano copiose lungo i lati del sentiero.  Superiamo il primo bivio andando dritti e poi  alla biforcazione successiva teniamo la sinistra; in mezzo al bosco possiamo intravedere i resti di una casa diroccata. La superiamoe in poco tempo siamo sulla strada asfaltata (Via Lama).

Saliamo su per il Montello dirigendoci a destra e avanti tutta per circa 1km (Via Lama).

La strada non è per nulla trafficata e la salita non si fa sentire anche perchè in questo periodo il caldo è solo un ricordo. Ogni tanto mi prendo Marco Albino sulle spalle perchè avendo le gambe più piccole fatica a tenere il passo.

Incrociamo qualche bicicletta ma se non fosse per le grida dei bimbi con Samuele che fa il verso ai fratelli, probabilmente saremo quasi in un silenzio totale. Passiamo accanto alla baita allegra che sinceramente non so cosa abbia di allegro visto che l'ho sempre vista chiusa in tanti anni che bazzico questo zone. Poco dopo ci ritroviamo in un breve tratto senza bosco ai lati.

Ci reinoltriamo nel bosco e con qualche altra sgambata giungiamo nei pressi del cartello per la Valle delle 3 Fonti e seguiamo il sentiero sulla destra fino a vedere la Grotta di San Girolamo e la Fontana che però è senza acqua. L'intera area è un po' lasciata a se stessa e mi raccomando di tenere ben saldi i piedi per terra per evitare scivoloni.

Sebastian e Marco vorrebbero entrare in profondità nella grotta, e cercano con le pile di fare luce tra gli anfratti, ma non c'è molto e forse più che grotta, potremo chiamarlo riparo.

Ora è il turno di Samuele che non ha più voglia di stare sul marsupio con mamma e decidiamo di fare una piccola sosta nell'area pic nic li vicina. Torniamo quindi sui nostri passi e giunti in Via Lama proseguiamo a destra e fatta la curva, sulla destra tra i rami vediamo i tavoli dell'area pic nic. Oggi merendina salutare con mele, pere e noci...Marco Albino che è più fruttariano gradisce, mentre Sebastian reclama i biscotti. Samuele basta magnar e va tuto ben (basta mangiare e va tutto bene)!!!!

Finiamo il frugale pasto e recuperiamo gli avanzi. Siamo pronti per la discesa.

Andiamo nuovamente in Via Lama e seguiamo andando a sinistra il percorso dell'andata, senza però prendere il sentiero per la casa diroccata. Procediamo sempre dritti lungo la strada asfaltata che ad un certo punto diventa sterrata e a sinistra possiamo vedere un grande giardino con una casa arancione.

Sempre dritti senza mai deviare e poco dopo eccoci nuovamente con l'asfalto sotto i piedi, zigzag tra le curve e tra i rami vediamo il Capitello della Madonna del Bosco. Riprendiamo Via U. Sacco andando a sinistra e in men che non si dica saremo all'auto.

Passeggiate Alpaca Treviso

Passeggiate Alpaca Treviso

Fattoria Didattica Nel Bosco Incantato

Passeggiate - Laboratori didattici - Feste in fattoria

Prenota la tua passeggiata con gli Alpaca

Tel. 349 26 17 511

Galleria Fotografica

Via Francesco Baracca a Nerves...
Chiesa Parrocchia di Bavaria d...
Andiamo a destra per Via Sacco
Via U. Sacco nel Montello
Capitello Madonna del Bosco
Capitello Madonna del Bosco
Giriamo per Busa delle Rane e ...
Sentieri del Montello
Busa delle Rane tra i rami
Busa delle Rane
Verso la croce di Francesco Ba...
Bandiera italiana
Croce di Francesco Baracca
Pozzangherona
Al bivio andiamo a sinistra
Passiamo accanto alla casa dir...
Al bivio andiamo diritti
Raggiunta via Lama andiamo a d...
Lungo Via Lama
Baita Allegra Montello
Cartello Valle Tre Fonti
Spazio aperto prima della Vall...
Fontana Valle Tre Fonti
Grotta di San Girolamo sul Mon...
Grotta di San Girolamo
Area pic-nic Montello
Al ritorno seguiamo in discesa...
Strada sterrata Via Lama
Giù dritti dopo la casa aranci...
Tra i rami capitello della Mad...
Campanile capitello Madonna de...
Andiamo in Via U Sacco oramai ...

Passeggiate Alpaca Treviso

Passeggiate Alpaca Treviso

Fattoria Didattica Nel Bosco Incantato

Passeggiate - Laboratori didattici - Feste in fattoria

Prenota la tua passeggiata con gli Alpaca

Tel. 349 26 17 511

Cosa vedere

Busa delle Rane  un invaso di tipo carsico che rappresenta per il Montello uno scrigno di biodiversità, con varie specie animali e vegetali tipiche degli ambienti umidi.

Croce di Francesco Baracca una croce che indica il punto esatto dove cadde l'areo dell'aviatore italiano Francesco Baracca durante la Prima Guerra MOndiale.

Grotta di San Girolamo un riparo naturale che secondo la tradizione fu utilizzato dall'eremita Giovanni nel XIV secolo come prima "abitazione". Anche altri eremiti scelsero questo luogo come dimora e lo testimoniano le nicchie ancora visibili sul lato destra della grotta.

Punti di ristoro

Nessuno lungo il percorso

Abbazia di Sant'Eustachio a Nervesa della Battaglia

Curiosità

La Grotta di San Girolamo può essere considerata come la parte iniziale della Certosa del Montello, fondata dai Conti di Collalto nel 1340 e demolita nel 1810 a seguito di un decreto napoleonico.