Sentiero del Ru, Torre degli Ezzelini e Chiesetta Rossa
Km e Tempo di percorrenza: 4.5 Km | 2h
Difficoltà: Media
Punto di partenza: Parcheggio in Via Marconi a San Zenone degli Ezzelini
Descrizione breve: Tante cose da vedere, tanti ambienti da assaporare in questa passeggiate che dapprima tra le acque e poi tra il bosco ci porta alla Torre Ezzelina e alla Chiesetta Rossa
Passeggino/Carrozzina: Si

Il percorso

Mappa Percorso San Zenone

Una passeggiata che ci ha piacevolmente sorpreso tutti, grandi e piccini. Sarà che pur avendo sentito parlare che a San Zenone ci sono vari percorsi, non credevo di tale bellezza. Questa camminata ci condurrà tra il verde degli alberi a seguire il Torrente Ru per arrivare poi alla Torre Ezzelina e alla Chiesetta Rossa, fino a guadagnare la cima del Monte della Madonna.

Dal parcheggio proseguiamo verso destra lungo Via Marconi fino alle prime strisce pedonali, attraversiamo la strada  e andiamo a sinistra per qualche metro, superiamo Via delle Ru e il torrente e prendiamo la via sterrata a destra. C'è un bel sole oggi, ma il massiccio del grappa all'orizzonte è coperto dalle nuvole. Superiamo un piccolo stagno dove si sente un gran gracidio di rane. Marco ha già addocchiato un ponte da cui lanciare qualche sassolino.

Attraversiamo il ponte di legno e poi proseguiamo a sinistra seguendo il cartello che indica Sentiero n. 4 Valle del Rù. Andiamo avanti in piano lungo la stradina bianca costeggiando il torrente. Mama e Sebastian si incantano a guardare dei pesciolini che nuotano belli freschi sul torrente. La vegetazione arriva a farci ombra molto presto e giunti ad un primo bivio, proseguiamo verso sinistra. 

L'ambiente circostante è veramente suggestivo, è tutto uno scorrere di acque tra alberi di varie esssenze (carpino nero, noce, pioppo tremulo). Alcune alberature sono veramente imponenti. I bimbi si divertono parecchio tra i ponticelli. L'attenzione di Sebastian si posa su un tronco a lato del torrente...assomiglia ad una nave e da buon pirata vuole salire in poppa. Dietro alla nave ecco delle cascatelle e un cane intento a farsi il bagno. I bambini vorrebbero restarsene li a giocare ma dico a Sebastian che dobbiamo raggiungere una Torre con il drago...ai draghi non si può resistere.

Dopo un bel pò di giochi decidiamo di proseguire seguendo il sentiero, arriviamo ad una radura e poi ad un bivio con alcuni cartelli che indicano il divieto di transito per biciclette, motocicli e cavalli...Marco Albino tenta di prendere il cavallo del cartello per le mani e si arrabbia anche perchè non viene via con noi. Tutto attorno è un continuo scorrere di acque.

Una breve salita ed arriviamo ad un altro bivio e andiamo a sinistra seguendo le indicazioni per "Sentiero Naturale Valle delle Rù Torre degli Ezzelini" ...la strada da piana si fa in salita. Meglio bruciamo più grassi :P

Arriviamo in breve ad incontrare alcune case e seguiamo le indicazioni per la Torre degli Ezzelini proseguendo a destra e in pochi passi raggiungiamo la strada principale (Via Castellaro).

Andiamo a destra tra i cipressi di Via Castellaro, sul lato destro ecco alcuni capitelli della Via Crucis. Raggiungiamo il Museo Multimediale e qui se avete il passeggino dovete proseguire lungo la strada asfaltata passando a lato della Torre Ezzelina per poi raggiungere la Chiesetta Rossa. Noi che eravamo appiedati abbiamo seguito la strada a destra del Museo che ci porta ai piedi della Torre Ezzelina.

Sebastian non vede il drago promesso e per fargli fare altri due passi gli dico che vedendoci è scappato e si è nascoto sulla sommità del colle. Saliamo le scalette di fronte alla Torre Ezzelina, e subito vediamo le scale in fondo alla strada le scale che ci portano alla Chiesetta Rossa e da qui in cima al colle. Guarandoci attorno ogni tanto ecco dei bei panorami sulla pianura veneta. 

Ci fermiamo un pò sul piazzale della chiesa a mangiare Taralli e mele, Sebastian vuole raggiungere la cima per vedere il drago, ma era scappato anche da li. Che pauroso questo drago. Andiamo ad ammirare l'interno del Santuario e poi dobbiamo decidere se proseguire per un itinerario ad anello o se tornare la strada di partenza.

I bimbi sono un pò stanchi e il campanile suona le 12...meglio tornare per il percorso dell'andata perchè altrimenti non saremo giunti neanche a metà percorso. Pertanto zaino in spalla, ma Sebastian e Marco Albino a piedi e percorriamo a ritroso il percorso di prima. Unica variante è che in questo caso seguiamo totalmente il Sentiero Valle delle Rù senza mai deviare...pertanto sempre dritti.

 

Mangia e bevi vicino alla passeggiata

Cicchetti Abbazia Sant'Eustachio

Abbazia di Sant'Eustachio

Visite guidate

Degustazione prodotti tipici su prenotazione

Tel. 0422 1836285

Galleria Fotografica

Si parte
Il massiccio de...
Stagno
Primo ponte di ...
Prendiamo il se...
Al bivio andiam...
Torrente Ru
Radura
Alberature impo...
Giochiamo ai pi...
Cascata sul Ru
Avanti lungo il...
Si va a destra
Di nuovo sul se...
Proseguiamo in ...
Andiamo verso l...
Via Castellaro ...
Al museo multim...
Scalini verso l...
Panorami tra gl...
Chiesetta Rossa
Interno della C...
Campanile della...
Torre degli Ezz...
Torre degli Ezz...

Mangia e bevi vicino alla passeggiata

Cicchetti Abbazia Sant'Eustachio

Abbazia di Sant'Eustachio

Visite guidate

Degustazione prodotti tipici su prenotazione

Tel. 0422 1836285

Cosa vedere

Torre degli Ezzelini edificata molto probabilmente 1500 usando basamento e fondamento della Torre del Castello degli Ezzelini. E' stata più una torre campanaria, qui infatti sorgeva la Chiesa di San Zenone degli Ezzelini.

Chiesa della Madonna del Monte edificata nel XIX secolo, al suo interno ci sono opere del pittore Noè Bordignon.

Punti di ristoro

Fontana di fronte alla Chiesetta rossa

Curiosità

In questa collina avvenne l'eccidio degli Ezzelini. Feroci e spietati signori di queste zone erano malvisti ormai da tutti. Morto Ezzelino nel 1259, il fratello Alberico lasciò Treviso e si rifugiò nel suo castello di San Zenone, ritenendolo inespugnabile.Alberico continuò con le sue razzie provocando la rabbia del trevigiani e della lega guelfa. Insieme assaltarono il castello che cadde nel 1260. Alberico e tutta la sua famiglai furono barbaramente uccisi.